Per recuperare alla funzione denti compromessi ottenendo risultati duraturi e di qualità nei trattamenti endodontici sono necessari:
  • Un ‘accurata diagnosi
  • L’accurata detersione dello spazio endodontico.
  • Il rispetto dell’anatomia originaria.
  • Un approccio mirato a prevenire incrinature e fratture.
Anche in presenza di queste condizioni, in molti casi, la perdita importante di materiale dentario e la diminuzione della resistenza del dente, rendono necessario l’inserimento di un perno endocanalare per ottenere un valido ancoraggio alla restaurazione protesica.
Ricostruzione preprotesica con perno.
Questa tecnica odontoiatrica consiste nel restaurare un dente trattato endodonticamente nei casi in cui la carie o la frattura ha gravemente mutilato la corona del dente ma non la radice.

Il perno in fibra di vetro verrà inserito e cementato nel canale dentale; la parte emergente del perno servirà per ancorare un “moncone” di materiale composito che, opportunamente preparato, fornirà l’ancoraggio per la corona protesica.

Il perno endocanalare fornisce un ancoraggio per il moncone che a sua volta dà ancoraggio alla corona protesica.

Il perno endocanalare è un impianto?

Alcuni pazienti confondono il “perno-moncone” con l’impianto.

In realtà, mentre il perno viene cementato all’interno della radice dentale naturale (che quindi è presente) l’impianto endosseo viene inserito nell’osso al posto del dente mancante.

I perni possono essere classificati in base a diverse caratteristiche:

 

  • Materiale.
  • Forma.
  • Funzionalità (attivi e passivi).
Denti “devitalizzati”

Dopo un trattamento endodontico (devitalizzazione / cura canalare) il dente:

  • Cambia la struttura che diventa più rigida.
  • Non ha più terminazioni nervose al suo interno.
  • Si indebolisce.

La quantità di tessuto dentale cariato che viene rimossa durante la terapia endodontica determina l’indebolimento del dente trattato.

I denti posteriori (premolari e molari) devitalizzati avranno, quindi, bisogno di una copertura protesica per proteggerli dalle fratture

Dobbiamo ricordare che, come con tutte le procedure cliniche, il posizionamento di un perno endocanalare comporta un’accurata valutazione dei rischi prima di formulare un piano di cura o di procedere con qualsiasi intervento.

La ricostruzione con perno fa male?
No, una ricostruzione preprotesica con perno endocanalare, non fa male.

E’ una procedura che viene realizzata con l’anestesia così da evitare qualsiasi tipo di problema.

Quali sono i tempi per il recupero di un dente tramite una ricostruzione pre protesica con perno ed una corona protesica?

Quando parliamo di tempi di una terapia, è necessario includere:

  • La prima visita diagnostica specialistica, poiché questa permette al dentista di valutare correttamente la situazione clinica iniziale.
  • Le visite di controllo necessarie successive all’intervento.

In generale, per il recupero di un dente gravemente danneggiato sono necessarie 4 sedute operative con tempi compresi fra 1 e 2 ore.

Ogni paziente è unico e presenta una situazione clinica differente che va valutata in tutti i suoi aspetti; la durata dell’intervento, quindi, è relativa alla complessità di ogni caso.
Generalmente sono necessarie le seguenti fasi:

  1. Visita specialistica diagnostica
  2. Cura canalare e RPC
  3. Preparazione protesica
  4. Montaggio e radiografia di controllo

Per ulteriori informazioni sul recupero di denti gravemente danneggiati visita:

Se il problema è odontoiatrico, la nostra esperienza è la soluzione.