DEVITALIZZAZIONE DEI DENTI
La terapia canalare (devitalizzazione) permette di salvare denti gravemente danneggiati ed evita sia l’estrazione dentale che le terapie per sostituire il dente estratto vale a dire l’inserimento di un impianto o di un ponte.

La branca specialistica dell’odontoiatria che si occupa delle patologie e delle terapie che coinvolgono la parte interna del dente (la polpa) è chiamata “endodonzia”.

VISITA OGGI IL NOSTRO VIDEO BLOG: Approfondimenti sull’odontoiatria

Oggi è molto comune che il paziente, prima di iniziare una terapia, cerchi in base ai suoi sintomi informazioni sulle possibili soluzioni al suo problema sul web. Sfortunatamente l’enorme quantità di informazioni presenti su Internet è spesso fonte di confusione per il paziente.

Succede anche, con molta frequenza, che l’interpretazione sbagliata di quello che è presente sul web sommato alle diverse fonti inaffidabili e non accreditate spingano il paziente ad evitare le cure procrastinando la visita con lo specialista odontoiatra.

LA DEVITALIZZAZIONE DEI DENTI FA MALE?

La devitalizzazione dei denti non è dolorosa.

La terapia canalare viene eseguita da uno specialista in endodonzia che dopo aver effettuato l’anestesia locale ed aver isolato il dente da trattare con la diga di gomma procederà con il trattamento. L’intervento è totalmente indolore.

La terapia endodontica viene ultimata, nella stragrande maggioranza dei casi, in un’unica seduta operativa.

Potrebbe interessarvi: BLOG ODONTOIATRICO DELLO STUDIO CALESINI

La sua durata può variare in base alla tipologia di dente da trattare.

La media stimata per un dente molare è di due ore, mentre per i denti con una o due radici, l’intervento canalare durerà circa un’ora; la terapia endodontica è costituita da due passaggi fondamentali:

1. Pulizia e modellazione dei canali radicolari.
2. Sigillatura dei canali radicolari tramite guttaperca e cementi endodontici

La missione del nostro studio è recuperare e mantenere i denti, evitando il più possibile interventi invasivi come l’estrazione.

Ogni paziente presenta numerose variabili anatomiche, biologiche e psicologiche che lo rendono unico.

Dopo la visita specialistica e la valutazione dei dati strumentali e radiografici, formuleremo un piano di cure personalizzato che risponda pienamente alle necessità e alle aspettative del paziente.