L’alitosi: L’importanza di un alito gradevole per il benessere dell’individuo.

By 19 Settembre 2019Senza categoria
agenesia, agenesie, alito cativo, alitosi, beauti fulteeth, black, black triangles, bleaching, Calesini, canalare, canalari, cura, cura canalare, cure, cure canalari, dental, dentalbleaching, dentale, dentist, dentista, dentistry, dieta, difficoltà, dolore, esperienza, fastidio, felice, felici, gengive, gonfiore, igiene, igiene orale, impianti dentali, impianto, implants, Italia, macchie, moda, odonto, odontoiatria, orale, passione, piazzadispagna, protesi, pulizia, restaurazioni, Roma, rome, sangue, sanguinano, sbiancamento, sbiancamento dentale, scuri, sensibilità, sintomi, smile, sorrisi, sorriso, spanishsteps, stetica dentale, studio, studio calesini, teeth, tipi, tipo, tooth, triangles, triangoli, triangoli scuri, whitesmile, whiteteeth, studio calesini

Cos’è l’alitosi?

L’alitosi è un termine medico usato per descrivere odori sgradevoli nell’aria espirata attraverso la bocca o il naso.
Nella società attuale, l’immagine e le relazioni interpersonali sono sempre più importanti.

Uno stimolo olfattivo sgradevole è interpretato come una caratteristica antiestetica e molesta e denota una mancanza di igiene.
Sebbene molte persone associno l’alito cattivo alla manifestazione di un problema di salute, la maggior parte delle persone colpite è molto più preoccupata delle conseguenze sociali dell’alitosi che non dalla sua implicazione generale.

In effetti, la consapevolezza delle persone che soffrono di alitosi di solito causa importanti effetti psicologici, che variano da un impatto moderato ad un disordine totale nella vita del paziente.

L’importanza di un alito gradevole e dell’igiene orale per i rapporti sociali.

L’alitosi come termine medico è stata descritta meno di 200 anni fa.

Tuttavia, è una delle patologie più antiche e problematiche note per il forte impatto sociale.

Sin dai tempi antichi, si trovano riferimenti all’alito cattivo, anche se molti di questi non sono riferimenti relativi ai loro aspetti medici (cause, diagnosi e trattamento); la maggior sono considerazioni relative ad aspetti sociologici come tabù, relazioni o questioni affettive, civiltà e religione.

Tali riferimenti sono disseminati nella letteratura più varia e ci raccontano molto sulle diverse culture.

  • Il Drammaturgo Plauto Tito Macio (230-180 a.c)

Si riferisce a questa condizione come una causa di disprezzo coniugale (periodo pre-imperiale della Repubblica Romana), attraverso un personaggio che censura pubblicamente l’alito cattivo dalla moglie: “Preferirei bere l’acqua delle fogne che baciare mia moglie.”

  • Il Talmud (un trattato ebraico che contiene leggi civili e religiose)

Ha oltre 2000 anni di storia che stabiliscono che un contratto di matrimonio (ketubah) può essere annullato legalmente se uno degli sposi soffre di alito cattivo.

  • Ippocrate di Cós (460-377 a.c).

Considerato il padre della medicina, sottolineava il concetto che tutti i giovani della Grecia antica dovessero avere un alito piacevole. Esortò il compimento di questa condizione, poiché sembrava essere un indicatore del grado di dolcezza interiore e dello stato di purezza dell’anima. Impegnato in questa missione formulava un risciacquo aromatico a base di vino puro, anice, semi di aneto e mirto che garantiva un alito piacevole.

  • La teologia islamica.

Si riferisce anche all’alitosi e sottolinea l’importanza di pulire i denti con un “miswak” (un bastone di legno) durante i periodi di digiuno, al fine di prevenire l’alitosi. Particolare enfasi è stata data a questo tema nel periodo di consacrazione del Ramadan. Al profeta Maometto fu attribuita l’espulsione di un fedele da una moschea per il suo alito che presentava un intenso odore di aglio.

  • I monaci buddisti giapponesi

Insistono nel mantenere una buona igiene orale, compresa la pulizia della lingua, come un modo per prevenire l’alito cattivo prima delle prime preghiere del mattino.

  • Gli indù.

Considerano la bocca come la porta d’ingresso del corpo, ed è per questo che insistono sull’importanza di tenerlo pulito e soprattutto prima delle preghiere.

  • Nella società moderna.

L’alitosi fu descritta per la prima volta come entità clinica da Howe nel 1874. Tuttavia, è stato durante gli ultimi tre decenni che c’è stata una proliferazione di articoli scientifici pubblicati e le cause dell’alitosi sono diventate più chiare. Il crescente interesse da parte della comunità scientifica ha portato alla creazione dell’International Society for Breath and Odor Research (ISBOR, 1995) e L’International Association for Breath Research (ABR, 2005). Nel 2007, entrambe le società, ha creato una rivista scientifica specificamente dedicata alla pubblicazione di lavori sull’alitosi, il Journal of Breath Research.

Quanti tipi d’alitosi esistono?

L’alitosi può essere di origine orale (bocca, denti, gengive, palato) o extraorale (sistema respiratorio, tubo digerente, sistemico psicologico).
Sono conosciuti e classificati 4 tipi d’alitosi:

Alitosi genuina:

Possiamo identificarla chiaramente; è un odore ovvio e molto forte che può essere identificato mediante test organolettici (olfatto) e test medici.

Alitosi persistente (patologica / cronica):

Persiste per un lungo periodo di tempo ed ha conseguenze nella vita sociale del paziente; non può essere risolta con i soliti metodi di igiene orale e richiede trattamenti molto specifici in accordo con la diagnosi clinica specifica per ogni paziente.

Alitosi transitoria (fisiologica):

Di solito ha la sua origine nella lingua e che non richiede nessun trattamento medico specifico. Può essere facilmente risolta con una buona igiene orale ed è per questo che viene considerato più un problema estetico che medico.

Alitosi immaginaria (pseudo alitosi):

è una condizione psicologica in cui il paziente può percepire un cattivo odore ed insistere nell’avere l’alitosi. Questa situazione può diventare un’ossessione (alito fobia) che spinge il paziente a continuare a frequentare i medici per risolvere il problema, farsi autodiagnosi e persino sottoporsi a trattamenti anche se è stato informato dai medici che non soffre di questa condizione.

Cause:

Le cause dell’alitosi possono essere:

NON PATOLOGICHE

Alito del mattino: durante il sonno diminuisce il flusso della saliva, questo facilita la crescita incontrollata di batteri che producono gas maleodoranti.

Età: la qualità del respiro cambia con l’età. È probabile che gli anziani soffrano di cambiamenti regressivi nelle ghiandole salivari che influenzano la qualità e la quantità di saliva, anche in presenza di una buona igiene orale.

Protesi dentarie: protesi e ponti possono accumulare detriti alimentari che se lasciati fermentare durante la notte danno origine ad un odore sgradevole e caratteristico.

Farmaci: esistono farmaci che producono xerostomia (bocca secca), come anticolinergici, antidepressivi, ecc. La saliva favorisce la pulizia della cavità orale e riduce il cattivo odore, quindi avere una salivazione ridotta favorisce l’insorgere dell’alitosi.

Tabacco: il fumo crea un alito caratteristico e sgradevole. L’odore del “fumatore” può durare per giorni, anche dopo aver smesso di fumare.

Periodi di digiuno: saltare i pasti ed adottare una dieta ipocalorica può favorire l’alitosi.

Dieta: dopo l’assunzione di alcuni alimenti (cipolla, aglio, ecc.) o il consumo di alcol, alcuni metaboliti possono essere assorbiti a livello gastrointestinale, passare in circolo, metabolizzarsi nelle mucose e nel fegato ed essere espulsi attraverso i polmoni.

Potrebbe interessarvi: Igiene dentale

PATOLOGICHE

 Malattie nella cavità orale: parodontite o problemi gengivali sono una causa frequente di alitosi. È essenziale sottoporsi a controlli regolari presso il dentista per mantenere la salute orale.

Scarsa igiene orale: la mancata eliminazione della placca batterica causa la crescita batterica.

I luoghi in cui i batteri si accumulano abitualmente sono la lingua, gli spazi interdentali e l’area sotto gengivale. Nel cavo orale La lingua è la sede con la più alta concentrazione di batteri.

È essenziale eseguire una buona igiene orale concentrandosi anche sulla lingua

Cause ulcerative: ulcere traumatiche, infettive, stomatiti, ecc. Se abbiamo problemi di stomaco, ulcere in bocca o altri problemi, sarà molto più probabile soffrire di alitosi. È importante sapere da dove proviene il problema e trattarlo correttamente per evitare l’alitosi.

Faringe: infezioni virali, batteriche o fungine. Con raffreddori, influenza, infezioni alla gola, aumenta il rischio di alitosi, per evitare l’alitosi dobbiamo aumentare la frequenza con cui ci laviamo la bocca.

Necrosi da radioterapia e chemioterapia: in pazienti con cancro.

La necrosi è la morte di tessuto sano dovuta alla radioterapia. La necrosi da radiazioni è un effetto collaterale della radioterapia somministrata per distruggere le cellule tumorali. Può verificarsi dopo aver terminato il trattamento del cancro. Questi pazienti di solito soffrono di alitosi a causa di radio o chemio.

Quale sono le conseguenze di questa condizione?

La consapevolezza di soffrire di alitosi, reale o illusoria, produce un impatto a livello del comportamento e delle emozioni. Questo impatto può avere gravi ripercussioni sulla qualità della vita delle persone indipendentemente dal livello culturale o sociale.

L’Istituto per l’alitosi ha raccolto nei diversi studi realizzati negli Stati Uniti ed Asia, le conseguenze più frequenti per le persone con l’alitosi:

Limitazioni

  • Maggior distanziamento interpersonale.
  • Maggiore frequenza di comunicazione tramite segnali o gesti.
  • Copertura della bocca con la mano.
  • Limitazione della vita sociale.
  • Interferenza con le relazioni intime.
  • Mancanza di fiducia
  • Scarsa autostima.

Compulsioni:

  • Spazzolamento compulsivo dei denti (più di 5 volte per giorno).
  • Uso compulsivo di prodotti come collutori, dentifrici, odoranti bucali, chewing gum e simili.
  • Tempo di espirazioni più corti.
  • Inizio dell’abitudine al fumo.
  • Aumento dell’ansia e/o dello stress.
  • Diminuzione della felicità generale in coloro che ne soffrono.

Sono stati segnalati casi in cui i pazienti sono stati vittime di Bullying da parte di compagni di scuola, lavoro, coniuge e sconosciuti che hanno prodotto traumi psicologici che hanno condotto a tentativi di suicidio.

In sintesi, i risultati di diversi studi effettuati negli ultimi anni, hanno confermato l’alitosi crea maggiore impatto a livelli psicologico e sociale se confronta adto altre condizioni patologiche nel campo della stomatologia e dell’odontoiatria.
Nonostante il rischio per la vita di un paziente sia molto improbabile, l’alitosi deve essere presa in seria considerazione sia dagli operatori sanitari sia dai familiari e dagli amici di coloro che ne soffrono.

Come sapere se si ha l’alitosi?

Ci sono diversi metodi per verificare se c’è alitosi:

  • Auto-percezione
  • Test organolettici olfattivi
  • Misura dei gas di respiro
  • Test di laboratorio

Raccomandazioni finali.

Ricordatevi che una buona igiene orale e le visite periodici contribuiscono a prevenire lo sviluppo o a formulare la diagnosi precoce di molti problemi di salute orale e generale.

La prevenzione è sempre la migliore soluzione.

Se il problema è odontoiatrico, la nostra esperienza è la soluzione

Clicca qui per prenotare una prima visita odontoiatrica!

FONTI:

Leave a Reply

Contatta un operatore