Disabilità e Salute Orale.

disabilità, disabilita, disabile, disabili, handicap, diversità, capacità diverse, diversità, salute orale, giornata mondiale delle persone con disabilità

Disabilità e Salute Orale.

Il 03 Dicembre è la Giornata Internazionale per le persone con Disabilità

Le disabilità dello sviluppo come l’autismo, la paralisi cerebrale, la sindrome di Down e altre disabilità cognitive creano difficoltà nello svolgimento delle attività quotidiane, in particolare delle attività di auto-cura.

Le persone disabili possono aver bisogno di un aiuto extra per raggiungere e mantenere una buona salute, compresa la salute orale.

Ecco i consigli del nostro staff per migliorare le cure personali quotidiane delle persone diversamente abili. 

QUALI SFIDE ALLA SALUTE DEVONO AFFRONTARE LE PERSONE CON DISABILITÀ ?

Le persone diversamente abili presentano una prevalenza ed una gravità maggiore delle malattie orali rispetto alla popolazione generale.

Fra i principalI problemi di salute dentale delle persone diversamente abili si possono citare: carie, denti mancanti, malattie parodontali, ritenzione prolungata di denti da latte, denti disallineati o soprannumerari e malocclusioni.

La cattiva salute orale ha un impatto negativo sulla salute generale ed è correlata a problemi nella nutrizione, nella digestione, nella capacità di masticare e di godere del cibo, nella forma del viso e nella capacità linguistica.

Per raggiungere e mantenere una buona salute orale, le persone con una disabilità lieve o moderata dello sviluppo hanno spesso bisogno di un approccio speciale alle cure dentali.

LO STATO MENTALE E LO STATO D’ANIMO.

Le capacità mentali variano da paziente a paziente e influenzano la capacità di seguire le istruzioni sia nello studio dentistico che a casa.

Queste difficoltà possono complicare la cura della salute orale, soprattutto perché l’incapacità parziale o totale di poter realizzare una determinata attività crea uno stato d’ansia sia nelle persone diversamente abili che  nei loro accompagnatori.

Uno stato d’ansia può causare una mancanza di collaborazione da parte di pazienti disabili.

PROBLEMI DI MOBILITÀ

I problemi di mobilità possono richiedere l’uso di una sedia a rotelle o di un deambulatore per spostarsi.

L’accesso alla sala operatoria ed alla poltrona dello studio odontoiatrico può richiedere accordi speciali e assistenza per il trasferimento del paziente e potrebbero essere necessari appuntamenti più lunghi di quelli standard.

E’ importante segnalare che i problemi neuromuscolari possono colpire anche la bocca. 

Alcune persone con disabilità hanno muscoli masticatori persistentemente “rigidi” o al contrario “sciolti”, oppure hanno problemi di bava, nausea e deglutizione che complicano l’igiene orale.

Inoltre, i movimenti incontrollati del corpo possono compromettere la sicurezza e la capacità di fornire cure orali.

Le crisi epilettiche accompagnano molte disabilità dello sviluppo.

I pazienti, durante un attacco epilettico, possono scheggiarsi i denti o mordersi la lingua o le guance.

PROBLEMI CARDIACI E DISABILITÀ

I disturbi cardiaci, in particolare il prolasso della valvola mitrale e danni alle valvole cardiache sono abbastanza comuni nelle persone con disabilità dello sviluppo come la sindrome di Down. 

POTREBBE INTERESSARVI: Dodici regole per scegliere il vostro dentista

E’  raccomandato consultare un cardiologo per determinare la necessità di antibiotici prima di qualsiasi trattamento.

LO STOMACO E LE DISABILITÀ

Un’altra situazione che potrebbe presentarsi per i pazienti handicap è il reflusso gastroesofageo che a volte colpisce persone con disturbi del sistema nervoso centrale come la paralisi cerebrale.

A causa del contatto prolungato con gli acidi i denti possono diventare sensibili e mostrare segni di erosione.

L’UDITO E LA SALUTE ORALE

La disabilità visiva, la perdita dell’udito e la sordità possono essere presenti anche nelle persone con disabilità dello sviluppo.

CONTINUA A LEGGERE: UDITO E SALUTE ORALE

ALLERGIE

Le allergie al lattice sono più frequenti  nelle persone con disabilità dello sviluppo.

PROBLEMI DI SALUTE ORALE CORRELATI ALLA DISABILITÀ.

  • La carie è comune nelle persone con disabilità dello sviluppo.
  • Le malattie parodontali (gengivite e parodontite) si verificano più spesso ed in età più precoce nelle persone con disabilità dello sviluppo.

La difficoltà di spazzolare e passare il filo interdentale in modo efficace può essere un ostacolo al successo dei trattamenti odontoiatrici e dei risultati a lungo termine.

  • Le malocclusioni frequenti nelle persone con disabilità dello sviluppo, possono rendere difficile masticare e parlare ed aumentano il rischio di malattie parodontali, carie e traumi orali.

CONTINUA A LEGGERE: AGENESIA DENTALE E MALOCCLUSIONE

  • Le abitudini orali dannose, come digrignare e stringere i denti, ritenere a lungo bolo di cibo, respirare attraverso la bocca e spingere la lingua, possono originare problemi nelle persone con disabilità dello sviluppo.
  • Le malformazioni orali possono causare difetti nello smalto e variazioni nel numero, nella dimensione, nella forma, e nella posizione dei denti.

POTREBBE INTERESSARVI ANCHE: ORTODONZIA: ECCO LE RISPOSTE ALLE VOSTRE DOMANDE

  • L’eruzione ritardata dei denti può verificarsi nei bambini con disabilità dello sviluppo come la sindrome di Down. 

I bambini affetti da sindrome di Down possono veder spuntare il loro primo dente da latte all’età di 2 anni invece che a 5/6 mesi.

CONSULTA ANCHE: Bambini e Salute orale

  • Traumi e lesioni alla bocca dovuti a cadute o incidenti possono verificarsi più facilmente in persone con disturbi convulsivi o paralisi cerebrale.
PER ULTERIORE INFORMAZIONE SULL IMPLANTO-PROTESI VISITA ANCHE:
https://www.management-tissutale-morfogenico.it/

dentista roma 

I NOSTRI CONSIGLI

La cura di una persona con disabilità richiede pazienza e abilità. 

Molte persone non sono coscienti della necessità, e della difficoltà, che implica aiutare una persona diversamente abile nell’assistenza sanitaria orale.

Per gestire i problemi fisici, mentali e comportamentali in questi pazienti occorre pianificazione, tempo e capacità.

L’assistenza orale dei pazienti disabili non è sempre facile, ma eseguendo i corretti protocolli è possibile offrire loro un’esperienza terapeutica piacevole e professionale.

Ecco alcuni consigli utili per aiutare le persone con disabilità a prendersi cura della loro salute orale. 

  • Spazzolare ogni giorno.

Modificare lo spazzolino per adattarlo ai limiti fisici è un’alternativa che può permettere alla persona con disabilità a realizzare lo spazzolamento da sola e/o con meno difficoltà .

  • Usare il filo interdentale regolarmente. 

Alcune persone con disabilità possono trovare il filo interdentale una vera e propria sfida.

Potrebbe essere utile procurarsi ausili come portafilo o forchette per il filo interdentale.

CONTINUA A LEGGERE: ALITOSI: COME LIBERARSI DELL’ALITO CATTIVO? 

  • VIsite odontoiatriche regolari. 

Le visite periodiche per l’igiene professionale sono una parte importante per mantenere una buona salute orale.

VISITA DIAGNOSTICA ODONTOIATRICA

Potrebbe essere necessario del tempo prima che il paziente si senta a proprio agio nello studio dentistico.

Una visita di “familiarizzazione” può aiutare il paziente a familiarizzare con lo studio e la routine degli esami prima di una visita vera e propria.Se per qualche  motivo la visita di “familiarizzazione” non potesse essere possibile  dipenderà dal personale clinico far si che il paziente segua un percorso accogliente  durante l’appuntamento operativo. 

COME COMPORTARSI CON UN PAZIENTE CON DISABILITÀ SE SIETE PROFESSIONISTI DEL SETTORE DENTALE?

Fornire cure orali a pazienti con disabilità dello sviluppo richiede l’adattamento delle competenze che si utilizzano giornalmente.

La maggior parte delle persone con disabilità lieve o moderata possono essere trattate con successo nell’ambito dello studio di odontoiatria generale ma è importante essere consapevoli delle particolari sfide comportamentali, fisiche e cognitive che una persona disabile può comportare per uno staff odontoiatrico.

Il dentista dovrebbe concentrarsi su un approccio preventivo che fornisca un’adeguata educazione dentale ai genitori di pazienti disabili.

Acquisire le competenze e le tecniche adeguate per soddisfare le particolari esigenze di salute orale degli individui con disabilità aiuterà i professionisti ad avere successo nella cura di questi pazienti.

Ecco alcuni consigli generali per adattarsi alle particolari esigenze di assistenza odontoiatrica delle persone con disabilità:

  1. Durante la prima visita specialistica è importante determinare le capacità mentali e le capacità di comunicazione del paziente.
  2. E’ importante parlare con il paziente e con chi si prende cura di lui di come le competenze del paziente possono influire sull’igiene orale.
  3. Feedback: prestare attenzione ai pensieri, idee ed a quello che il paziente ed il suo accompagnatore racconta sulle precedenti esperienze con i dentisti. Questo  aiuterà a rendere l’esperienza nel proprio studio un successo.
  4. L’intero team deve essere coinvolto nell’accoglienza dei pazienti, dalla receptionist all’assistente odontoiatrica.
  5. Osservare le manifestazioni fisiche della/e disabilità come ad esempio i movimenti incontrollati del corpo o i problemi a rimanere seduti sulla poltrona operativa.
  6. Completare una corretta anamnesi, incluse le domande relative alle allergie e ai farmaci utilizzati. 

CONCLUSIONI

In ultimo ricordate, e questo non è un semplice slogan, che la prevenzione è sempre la migliore cura.

Consultate sempre i medici  specialisti per chiarire i dubbi e trovare risposte autorevoli alla vostre domande. 

Visitate il nostro V-Blog

FONTI

1 , 2, 3 , 4, 5, 6

VISITA IL NOSTRO V-BLOG | STUDIO CALESINI

Leave a Reply